Il business delle magliette di calcio

È una tendenza significativa da sempre, quella di identificarsi con la propria amata squadra del cuore in ogni modo possibile. Non ultimo il modo di indossare la maglia della propria squadra che prende i toni di uno stare in famiglie, un’identificazione appunto, legata alla codificazione di storia, colori, simboli, quasi una tribù, quasi da poterci dedicare studi e studi antropologici. Anche per le società questa è una cosa buona, anzi non c’è migliore puntata di mercato per un club che quello delle magliette. Due piccioni con una fava: fidelizzare i supporters e incrementare il guadagno nel merchandising.

Numeri da capogiro

Tutto è frutto degli accordi con gli sponsor tecnici come Nike e Adidas, solo la punta dell’iceberg di decine e decine di imprese che muovo milioni di euro con la vendita delle magliette. L’esempio più eclatante è l’accordo tra Adidas e Manchester United che nel 2016 hanno firmato un accordo decennale dal valore di 940 milioni di euro, 100 milioni a stagione, il triplo rispetto allo sponsor precedente dei red devils. Perché? Perché Adidas con la sponsorizzazione grazie al merchandising ha calcolato un rientro potenziale di più o meno 2 miliardi di euro, una cifra da capogiro se si pensa che venga raggiunta con la vendita appunto di maglie ufficiali e kit sportivi ufficiali. La situazione è più o meno la stessa per tutti i grandi club con respiro mondiale. Non da meno infatti sono Real Madrid, Barcellona e Bayern Monaco, solo per citarne alcune.

E in Italia?

In Italia l’effetto CR7 a dato ridondanza anche al bel paese con maglie come non sono state stampate in tempo in base alle richieste. L’arrivo di Ronaldo ha dato nuovo fiato alla  serie a, qui disponibile per il betting, e risollevando il paese da una situazione che negli anni passati riscontrava stadi vuoti, abbonamenti nulli e la piaga della contraffazione, motivi che hanno spinto molte multinazionali a lasciare le sponsorizzazioni e i contratti con le squadre nostrane. Fortunatamente la musica sta cambiando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *