Assegnati i diritti Tv di serie A per il triennio 2018/2021

Finalmente è avvenuta l’assegnazione dei diritti tv per il campionato di calcio di Seria A 2018/19 che avrà inizio il prossimo 19 agosto, subito disponibile su www.codicebonusstranieri.comSky trasmetterà in esclusiva 266 partite della massima serie,  16 partite di cartello su 20. Le altre 114 gare, invece, saranno trasmesse dalla media company britannica Perform. Non solo per il prossimo campionato ma queste regole valgono per il triennio 2018/2021 come vedremo di seguito.

I diritti tv per le partite di Serie A per il triennio 2018/2021

Nei prossimi tre anni dunque, a partire dalla stagione 2018/2019 il campionato di calcio di serie A sarà esclusiva delle piattaforme Sky e dell’emergente Perform. Quello che è cambiato è la spartizione del prodotto che ha visto una vendita per piattaforma. Questo significa che nessun competitor può avere l’esclusività su tutto il campionato ma ogni competitor può fare una determinata offerta sui tre pacchetti decisi dalla lega di Seria A. Questo farà in modo che l’esclusività sia prettamente di gara. Dalle offerte fuori del tutto Mediaset premium che non ha ufficializzato nessun offerta a discapito della piattaforma inglese Perform che si è aggiudicata una buona percentuale di gare, mentre Sky, come negli anni precedenti, avrà il maggior numero di gare, nei numeri i diritti in esclusiva per le trasmissioni in diretta di 266 gare di serie A divise nelle stagioni 18/19, 19/20 e 20/21. Le partite trasmesse in esclusiva, quindi, saranno addirittura più del doppio in confronto allo scorso triennio nel quale il lotto era di 132 incontri a stagione.

Satellite, digitale e streaming: come vedere le partite del prossimo campionato

Rivoluzione anche in campo di dispositivi di trasmissione. Oltre alla consueta visione via satellite, gli incotri saranno trasmessi anche via fibra con Sky Q, disponibili anche in 4k e in Hdr per i dispositivi omologati. Anche lo streaming migliora, con l’offerta allargata a Now Tv e sui dispositivi mobili grazie a Sky Go. Poca competizione rispetto agli altri anni, con Sky che risulta egemone nella trasmissione degli eventi sportivi legati alla massima serie italiani, c’è del positivo però: tanti nuovi modi per seguire sempre e ovunque, la passione per il calcio e la propria squadra del cuore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *